David Kikoski Trio

5 agosto | 21:30

INGRESSO 15€

Nello splendido contesto del Giardino di Ninfa, torna sul palco della 52nd Jazz lo straordinario pianista jazz americano, David Kikoski, accompagnato per l’occasione da un’altra leggenda del jazz contemporaneo, il contrabbassista Gerald Cannon, e dal batterista campano Elio Coppola. Un’occasione unica per ascoltare non uno ma due musicisti che hanno fatto la storia del jazz, tuttora in piena attività artistica, e che hanno realizzato nel corso della propria carriera, alcuni dischi considerati pietre miliari nel panorama jazz, al fianco di vere e proprie stelle della musica jazz, o anche come solista nel caso di David Kikoski.

David Kikoski

Nato nel 1961, David Kikoski ha iniziato a suonare il pianoforte all’età di sei anni sotto la guida del padre. Durante l’adolescenza suona in vari gruppi di jazz e rock, vincendo “The New Jersey Allstate Jazz Competition”. Dopo il liceo si iscrive al Berklee College of Music di Boston, diplomandosi in pianoforte. Negli anni trascorsi a Boston forma un proprio trio ospitando a volte Pat Metheny, con cui successivamente inciderà insieme a Roy Haynes.

Trasferitosi a New York nel 1984, Kikoski non tarda ad affermarsi sulla scena musicale jazzistica. La prima occasione importante gli viene offerta proprio da Roy Haynes, segnando l’inizio di una partnership che dura fino ai nostri giorni. Grazie a questa collaborazione David Kikoski ha modo di incontrare, suonare e incidere tra gli altri con musicisti del calibro di Randy Brecker, Joe Henderson, Ron Carter, Al Foster, Buster Williams e Bob Berg. Nel 1989 incide il suo primo disco alla testa di un proprio trio, comprendente Eddie Gomez e Al Foster. Il secondo disco, prodotto da Walter Becker degli Steely Dan, vede la partecipazione di Randy Brecker e Billy Hart.

All’inizio degli anni ’90 Kikoski fa parte del quartetto di Bob Berg, e incide a proprio nome “Another Standard” per l’etichetta Stretch di Chick Corea. Nel 1994 incide per l’etichetta Sony Epicure l’album “David Kikoski”, in trio con Essiet Essiet e Al Foster.

Negli anni successivi David Kikoski collabora con numerosi grandi musicisti tra cui John Scofield, Brian Lynch, Peter Erskine, Red Rodney, Ravi Coltrane, Chris Potter, Christian McBride, Joe Henderson, Joey Baron, Dave Holland, Mike Stern, Chick Corea, Toots Thielemans, Pat Metheny, Victor Lewis, Tom Harrell, Gary Thomas, Marcus Miller, la Mingus Big Band e Michael Brecker. Dal 1997 David Kikoski ha iniziato con l’etichetta olandese Criss Cross una fruttuosa collaborazione che ha prodotto ” Inner Trust”, del 1997, in trio con Ed Howard e Leon Parker, “The Maze” insieme a Jeff “Tain” Watts, Seamus Blake e Scott Colley, “Almost Twilight” registrato con John Patitucci e Jeff “Tain” Watts dopo un ingaggio di una settimana allo “Sweet Basil” di New York, e ancora “Combinations”, “Surf’s Up”, “Details” e “Limits”.

Tra le sue più recenti realizzazioni discografiche vi è inoltre il progetto “BeatleJazz”, i cui lavori hanno ottenuto grande successo e hanno visto come ospiti la partecipazione di numerosi grandi musicisti tra cui Michael Brecker, Randy Brecker, Joe Lovano, Toots Thielemans, Larry Grenadier e John Scofield. Musicista di grandi doti tecniche e di forte spessore jazzistico, Kikoski è anche uno dei musicisti più generosi che ci siano sulla scena.

Nel 2001 Roy Haynes invita Kikoski a unirsi alla sua nuova allstars band, comprendente Dave Holland, Roy Hargrove e Kenny Garrett, Nicholas Payton e Christian McBride per effettuare delle tournée e un’incisione, che ha ricevuto una nomination ai Grammy Awards. Più recentemente David Kikoski ha collaborato con la “Soul Bop Band” di Randy Brecker e Bill Evans, e i Brecker Brothers.

Il suo stile trae ispirazione da svariate fonti e presenta un distillato sapientemente equilibrato della storia del piano jazz, vista attraverso l’ottica di un musicista che ne vive l’evoluzione costantemente in prima linea da oltre due decenni sulla scena di New York. Tutto ciò, insieme a un bagaglio lessicale jazzistico apparentemente inesauribile, porta David Kikoski a fornire invariabilmente dal vivo un set di grande forza espressiva e peso specifico, che risulta assolutamente convincente.

Gerald Cannon

Nato a Racine, nel Wisconsin, l’ispirazione iniziale di Gerald è stato suo padre Benjamin, un chitarrista, che gli ha comprato il suo primo basso elettrico alla tenera età di 10 anni. Ha iniziato a suonare il basso nel gruppo di suo padre “The Gospel Expressions” e non ha mai guardato indietro . Gerald ha frequentato l’Università del Wisconsin a La Crosse, dove ha incontrato il grande jazzista Milt Hinton. Questo incontro non solo ha cambiato la specializzazione di Gerald al college dall’educazione fisica alla musica, ma ha anche cambiato il resto della sua vita

Gerald si è trasferito al Wisconsin Conservatory of Music di Milwaukee, dove ha trascorso i successivi quattro anni studiando basso jazz, basso classico e pianoforte. Ha anche studiato arte alla Marquette University, che ha nutrito un talento naturale e l’amore per la pittura. Al di fuori della scuola, Gerald ha iniziato a lavorare come direttore musicale con la cantante e mentore Penny Goodwin. Questa esperienza ha portato alla creazione del suo quintetto “Gerald Cannon’s Jazz Elements”, che ha gettato le basi per una solida reputazione come leader e compositore a pieno titolo.

All’età di 28 anni, Gerald arrivò a New York City. Ha subito iniziato a guadagnarsi da vivere suonando il basso nella metropolitana e suonando al Blue Note con i famosi musicisti Russell Malone, Winard & Philip Harper e Justin Robinson. Da lì sono nati prestigiosi concerti con i Jazz Messengers di Art Blakey, Dexter Gordon, Cedar Walton Trio con Billy Higgins, Jimmy Smith, Little Jimmy Scott, James Williams, Hamiett Bluiett, Ed Thigpen, Frank Foster, John Bunch, Eddie Harris, Stanley Turrentine e Bunky verde.

Dopo un breve periodo a casa, Gerald è tornato a New York per lavorare con Buddy Montgomery e Andy Bey. La buona fortuna seguì quando l’acclamato trombettista Roy Hargrove venne in un club dove lavorava Gerald. Per i successivi sette anni, Gerald si è esibito come membro della band di Roy nei principali festival jazz di tutto il mondo, tra cui il North Sea Jazz Festival, il Cape Town Jazz Festival, il Montreux Jazz Festival, l’Umbria Jazz Festival a Perugia e il Montreal Jazz Festival. . Ha anche fatto parte del premiato tour Crisol dove Gerald ha suonato con grandi musicisti cubani come il maestro percussionista Jose Luis “Chanquito” Quintana, Miguel “Anga” Diaz, Horacio “El Negro” Hernandez, Chucho Valdes e ha studiato con l’eccellente bassista Orlando ” Cachahito” Lopez e il pianista Ruben Gonzalez.

Gerald porta le conoscenze trasmessegli dai leggendari bassisti Ray Brown, Sam Jones, Ron Carter e Buster Williams e continua l’eredità conducendo corsi di perfezionamento negli Stati Uniti e in Europa. Ha insegnato all’Oberlin Conservatory nel 2014, al Wisconsin Conservatory of Music di Milwaukee, alla New School di New York e alla Long Island University. Ha anche tenuto una serie di corsi di perfezionamento presso l’Università del Wisconsin a Whitewater e Eau Clair, alla Emery University di Atlanta, Georgia e al Conservatorio di Amsterdam. Gerald è stato anche membro della facoltà del prestigioso Conservatorio di Maastricht, in Olanda.

Gerald è Jazz Bass Instructor alla JUILLIARD School (New York) e Visiting Associate Professor di Jazz Bass all’OBERLIN College & Conservatory (Ohio).

Dopo aver lasciato Roy Hargrove, Gerald ha tenuto il basso per il leggendario batterista Elvin Jones fino alla sua scomparsa nel 2004. Gerald considera il suo tempo trascorso con Mr. Jones un profondo periodo di crescita spirituale e creativa. Da allora, Gerald ha lavorato con pesi massimi del jazz Wynton e Branford Marsalis, Pat Martino, Louis Hayes e The Cannonball Legacy, Ernestine Anderson, Carmen Lundy, Abbey Lincoln, Gary Bartz, Joe Lovano, Cyrus Chestnut, Larry Willis, Dr. Eddie Henderson, Steve Turre, Eric Reed, il Dexter Gordon Legacy Ensemble e molte altre combinazioni di star, oltre che con il suo quartetto. Continua a dirigere corsi di perfezionamento in tutto il mondo e rimane il direttore musicale del McCoy Tyner Trio.

Gerald ha debuttato come produttore con il CD “Mad about the Boy” con la cantante jazz Jeanne Gies. Questa registrazione include la resa vocale della composizione originale di Gerald “Peri”.

Il consumato sideman, Gerald si è ora fatto avanti come leader con il debutto della sua registrazione omonima “GERALD CANNON” (Woodneck Records – 2003) e “COMBINATIONS” (Woodneck Records – 2017)

La creatività e la passione di Gerald si esprimono non solo nella sua musica, ma anche nella sua pittura. Recentemente ha avuto la sua prima mostra d’arte a New York City e ospita visualizzazioni esclusive per gli appassionati d’arte interessati. Un tour negli Stati Uniti dei suoi dipinti abbinato a selezioni musicali inizierà nel 2016 e il suo attesissimo secondo album è in corso con piani per l’uscita entro la fine del prossimo anno.

Come i maestri prima di lui, Gerald Cannon ha stabilito un groove impavido e solido che lo distingue come figura principale nel jazz. Passerà alla storia come bassista e compositore jazz d’autore di questo secolo.

LINE UP:

David Kikoski – piano

Gerald Cannon – bass

Elio Coppola – drums

Dettagli

DATA: 5 agosto 2023

ORA: 21:30

Organizzatore

ENG IN MUSIC

Luogo

Giardini di Ninfa Via Ninfina, 68, 04012 Cisterna di Latina (LT)
Prenota ora!